In apertura: Anyma, Angel 1, (2022), Computer Generated Image, Owned by Ivan Hodl, Courtesy the artists

Negli ultimi mesi gli NFT hanno letteralmente spaccato in due il mondo dell’arte, suscitando critiche e apprezzamenti agli antipodi. Ma con la mostra Let’s get digital! a Palazzo Strozzi di Firenze, una delle prime e più importanti dedicate ai Non-Fungible Token mai allestite da un centro culturale, il confronto sul tema ha raggiunto un’aura istituzionale che va di pari passo a un riconoscimento pieno da parte del sistema globale contemporaneo dell’arte. L’esposizione, visitabile fino al 31 luglio, si dipana tra installazioni ed esperienze multimediali, con opere di artisti internazionali rappresentanti della cosiddetta Crypto Art. Tra loro geni già affermati come Refik Anadol, Anyma, Daniel Arsham, Beeple, Krista Kim e Andrés Reisinger.

Beeple (Mike Winkelmann) ALIVE #2/3, 2021 Edition of 3 NFT single-channel video with sound Owned by Jehan Chu Courtesy the artist

Beeple, Alive #2/3 (2021) Edition of 3 NFT single-channel video with sound, Owned by Jehan Chu, Courtesy the artist

NFT, COSA SONO?

I Non-Fungible Token sono immagini, video o qualsiasi altro contenuto digitale, certificati attraverso la blockchain, una tecnologia che impedisce di modificare i file, rendendoli quindi unici. Questi file sono poi registrati in un archivio che garantisce a ciascuno di essi di essere visualizzato da tutti, ma posseduto da un solo individuo (ad esser precisi, da un singolo wallet, un indirizzo identificativo ma anonimo). In altre parole, è come essere proprietari unici di un dipinto originale, con una differenza evidente: per ammirarlo non serve aprire la porta del salotto di casa propria, ma accedere a un dispositivo tecnologico, sia esso uno smartphone, un tablet, un pc, una smart tv.

 

Gli NFT, a loro volta, gremiscono il “metaverso”, anzi i “metaversi”, mondi virtuali paralleli ma confinanti con quello tangibile e analogico, in cui l’interazione sociale segue nuovi paradigmi e non si limita all’arte, ma riguarda la musica, la moda, lo sport, il gaming e tutti gli altri aspetti della cultura e della vita umana.

Daniel Arsham, Eroding and Reforming Bust of Rome (One Year), 2021 NFT single-channel video with sound Owned by Pablo Rodriguez-Fraile Courtesy the artist

Daniel Arsham, Eroding and Reforming Bust of Rome (One Year), (2021) NFT single-channel video with sound, Owned by Pablo Rodriguez-Fraile, Courtesy the artist

NUOVE ESPRESSIONI O NUOVI MERCATI?

La mostra Let’s Get Digital!, curata dal Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi, Arturo Galansino, e dalla Direttrice del MoCDA - Museo d’arte digitale contemporanea, Serena Tabacchi, suggerisce un panorama conoscitivo su un’ondata artistica capace di trasformarsi in tempi rapidissimi. Per molti l’arte crittografica rappresenta solo l’avvio di una mescolanza rivoluzionaria e sempre più veloce tra l’estetica contemporanea e le nuove tecnologie. Molti altri continuano a storcere il naso, per la piega commerciale e consumistica che ha caratterizzato finora gli NFT.

 

La digitalizzazione di opere fisiche o la creazione di opere native digitali hanno consentito un nuovo sbocco all’espressione della creatività in diversi artisti che fino a poco tempo non potevano essere e non venivano considerati tali se non nelle comunità social. Allo stesso tempo, hanno avvicinato un pubblico che in precedenza non necessariamente frequentava musei, mostre, gallerie e tutti gli altri spazi culturali adibiti all’arte. Eppure, dando valore, monetario innanzitutto, a creazioni digitali agevolmente replicabili per loro natura, si sta fomentando un mercato ulteriore e autonomo da quello consueto dell’arte, che mira a sfruttare lo status sociale dell’acquirente, a discapito della corporeità dell’opera.

Andrés Reisinger, Arcadia, 2021 NFT single-channel video with sound, min 9' 48" Music: RAC Poet: Arch Hades Designer/animator: Sebastian Baptista, Carlos Neda, Javier Bianchi Owned by Pablo Rodriguez-Fraile Courtesy the artist

Andrés Reisinger, Arcadia (2021) NFT single-channel video with sound, Music: RAC, Poet: Arch Hades Designer: Sebastian Baptista, Carlos Neda, Javier Bianchi, Owned by Pablo Rodriguez-Fraile, Courtesy the artist

LET’S GET DIGITAL!, IL PERCORSO ESPOSITIVO

La prima opera che accoglie il visitatore della mostra è l’installazione site specific realizzata per il cortile di Palazzo Strozzi dall’artista turco, classe 1985, Refik Anadol, che mette in rapporto, in un modo mai visto, l’architettura digitale e quella fisica. Il risultato è un’esperienza che spazia dall’ipnosi alla multisensorialità, dal momento che gli algoritmi dell’intelligenza artificiale presenti nell’opera sono in grado di creare illusioni che mettono in dubbio la consueta concezione di realtà.

Refik Anadol Machine Hallucinations - Nature Dreams, 2021 AI Data Sculpture, Video loop (color, sound) Non-fungible Token (NFT) Courtesy the artist

Refik Anadol, Machine Hallucinations - Nature Dreams (2021), AI Data Sculpture, Video loop (color, sound), Non-fungible Token (NFT), Courtesy the artist

Nelle sale seguenti della Strozzina, ogni ambiente propone opere e installazioni immersive. Tra gli artisti presenti si trovano l’americano Beeple che unisce nei suoi lavori politica, cultura pop e riferimenti all’attualità in scenari distopici o post apocalittici. Statunitense anche Daniel Arsham, che propone un’idea rinnovata di scultura creando loop temporali in cui materialità e immaterialità si fondono, trasformano e distruggono in un moto perpetuo. La canadese-coreana Krista Kim invita con il suo caratteristico minimalismo a entrare in un mondo di geometrie e riflessi impossibili, distopico ma rassicurante. Dell’argentino Andrés Reisinger è l’opera Arcadia, creata con la poetessa Arch Hades e il compositore RAC: poesia, suono e immagini portano a riflettere sulle routine quotidiane e sull’uso dei social media. Si chiude, infine, con un landscape fisico e visivo site specific del collettivo italiano Anyma, che sperimenta con opere e concerti live l’intersezione tra musica e visual performance.

Krista Kim, Mars House, 2020 NFT 3D files Music: Jeff Schroeder of the Smashing Pumpkins. Owned by AOI Courtesy Krista Kim Studio

Krista Kim, Mars House (2020) NFT 3D files, Music: Jeff Schroeder of the Smashing Pumpkins, Owned by AOI, Courtesy Krista Kim Studio

Raggiungi la mostra Let's get digital! in treno

Palazzo Strozzi dista 10 minuti a piedi dalla stazione Santa Maria Novella

Articoli correlati