Promuovere la mobilità sostenibile via treno o con bus a sempre minore impatto ambientale. Il Gruppo FS ha ribadito la sua missione in più occasioni. Un obiettivo tutt’altro che astratto, visti i numeri degli investimenti per migliorare le esperienze di viaggio dei passeggeri e allestire una flotta di mezzi sempre più sostenibile.

 

Il Polo Passeggeri del Gruppo FS nel 2023 ha infatti investito per il rinnovo della sua flotta più di 1,8 miliardi di euro, di cui 1,1 miliardi per 46 nuovi treni ad alta velocità Frecciarossa. Il trasporto regionale ha visto negli ultimi cinque anni l’entrata in servizio di 459 nuovi treni e oltre 300 mezzi di nuova generazione arriveranno entro il 2027, per un investimento complessivo di 6,8 miliardi di euro.

 

Novità anche per Intercity e Busitalia: circolano in Calabria, Basilicata e Puglia i nuovi treni ibridi acquistati con fondi PNRR per un valore di 60 milioni di euro, mentre Busitalia prevede l'acquisto di 795 autobus elettrici, ibridi e diesel Euro 6 alimentati a HVO, per oltre 313 milioni di euro.

Treno Rock

In totale nell’ultimo triennio il Gruppo FS ha investito oltre 5 miliardi di euro per rinnovo dei treni.

 

In particolare, per quel che riguarda il treno ad alta velocità Frecciarossa, lo scorso novembre è stato annunciato un nuovo accordo con Hitachi Rail che produce l’ETR 1000. L’intesa da oltre un miliardo di euro prevede la fornitura di 40 nuovi convogli. Le prime consegne sono previste a partire da aprile 2026, con un ritmo di 8-10 veicoli all’anno. I treni saranno prodotti negli stabilimenti italiani con un impatto positivo anche sui livelli di occupazione.

 

Passeggeri, ma non solo. Il Gruppo FS è sempre più impegnato nello sviluppo della logistica intermodale e nella promozione del trasporto merci via treno. Per questo nei prossimi anni ha lanciato investimenti di 3 miliardi di euro nel comparto, l’80% dei quali dedicati proprio al rinnovo della flotta di treni merci sempre più moderni, efficienti, sostenibili e digitalizzati