Dal 3 al 5 settembre nel centro storico dell’Aquila prende vita il festival Sulle tracce del drago, un mondo fantastico, dove il gioco diventa elemento di cultura, dove le differenze sono premiate e si fanno originalità.

 

La Villa Comunale e il cortile dell’Emiciclo sono i luoghi dove esprimere la propria creatività. La noia lascia il posto all’effervescenza e il gioco non è solo un momento di svago ma anche uno stimolo per l’intelletto.

 

Sulle tracce del Drago è una manifestazione - giunta quest’anno alla 12esima edizione (la settima dopo il sisma del 2009) - per appassionati e appassionabili, per curiosi e studiosi, per bambini e adulti. Ogni serata è dedicata a un tema: il Fantastico, la Storia e il Medioevo eroico, la mitologia di J.R.R. Tolkien.

Cristina D’Avena in una delle precedenti edizioni del festival Sulle tracce del drago

Cristina D’Avena in una delle precedenti edizioni del festival Sulle tracce del drago  

L’edizione 2021 ospita una piazza d’armi con esibizioni dei maestri della scherma, l’arte della spada tradizionale, concerti di musica celtica e medioevale, una mostra di miniature fantasy oltre a stage di pittura, conferenze, arene multimediali, dibattiti, presentazioni di libri, seminari e laboratori, giochi di ruolo e da tavolo, proiezioni di film. Tra gli artisti di punta, si esibiscono in città Giorgio Vanni, DJOsso e Cristina D'Avena.

 

Non manca la consueta caccia al tesoro, da giocare tra le vie del centro storico, così da valorizzare luoghi e monumenti caratteristici della città. Sfilano, poi, bellissimi Cosplay, nonché gli amanti dello Steampunk, persone che dietro ai costumi e alle maschere esprimono liberamente se stesse. All’interno del villaggio sono presenti stand di artigianato, street food, birre artigianali, fumetterie.

Un'immagine del festival Sulle tracce del drago 2021

La manifestazione si propone quindi un doppio obiettivo. Definire, nell’ambito sociale e delle politiche giovanili, un modello positivo di aggregazione, di promozione culturale e di dialogo. E, prendendo a modello l’evento di Lucca Comics, stimolare l’attenzione, in ambito regionale e nazionale, di un pubblico colto, attento alle nuove tendenze e interessato a prodotti turistici e di intrattenimento all’avanguardia.

 

L’iniziativa si avvale dell’esperienza dell’associazione L’Aquila Rinasce, ideatrice e organizzatrice dell’evento, facendo anche da catalizzatrice a un intero circuito di associazioni e soggetti attivi nel campo del sociale, delle politiche giovanili e della promozione culturale. E coinvolge altri soggetti del mondo no profit locale, come il circuito di promozione sociale Social Innovation Hub.

Articoli correlati