In cover, frame del video Sub Respiro (2020) di Miriana Di Martino, 2° premio concorso Second Life

La mostra Second life: tutto torna. Arte, bellezza e sostenibilità ambientale, presenta tutte le opere selezionate in occasione del concorso lanciato dalla società Alia servizi ambientali.

 

Al contest hanno partecipato cento giovani artisti italiani sotto i 29 anni. Ognuna delle creazioni è ispirata ai temi green e per realizzarla hanno impiegato ogni strumento espressivo, dal video alle installazioni.

 

Tra i 30 finalisti, la giuria ha scelto tre vincitori. Primo premio a Mariarita Ferronetti, classe 2000. Con l’opera No one should die for fashion, realizzata con la pratica del ricamo, lancia un grido d’allarme sull’impatto del fast fashion.

L’opera No one should die for fashion di Mariarita Ferronetti, 1° premio concorso Second Life © Lorenzo Mennonna

Seconda classificata Miriana Di Martino: con il progetto video Sub Respiro focalizza l’attenzione sull’impatto degli imballaggi nell’ambiente. E terzo premio ad Alice Bertolasi con l’installazione Tensioni attive realizzata attraverso reazioni chimiche.

 

L’esposizione è aperta nell’Officina Giovani di Prato, dall’8 al 27 febbraio. Si prosegue poi a Pistoia, nel palazzo comunale, dal 2 al 29 aprile. L’ingresso è gratuito e sono previsti laboratori didattici e visite per tutti.

Articolo tratto da La Freccia

Articoli correlati