Promessa mantenuta. La Commissaria straordinaria di Governo per la nuova linea ferroviaria Ferrandina-Matera La Martella, Vera Fiorani, Amministratrice Delegata di RFI, è tornata in Basilicata, a Matera, dopo il confronto dello scorso luglio a Potenza con l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Donatella Merra. È iniziato proprio con il saluto e i ringraziamenti dell’assessore regionale l’incontro di questo pomeriggio, al quale ha partecipato anche il sindaco di Matera, Domenico Bernardi.

Il proficuo confronto odierno, voluto dalla commissaria Fiorani, è servito a illustrare, con il supporto degli ingegneri di Italferr, tutte le caratteristiche dell’opera, inclusa tra quelle finanziate dal PNRR e attesa da anni dal capoluogo lucano. Particolare attenzione è stata dedicata alla condivisione del cronoprogramma dell’opera e dell’iter autorizzativo, oltre che alle osservazioni da parte degli Enti e delle Amministrazioni locali, sopratutto per quanto riguarda  la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), in capo al Ministero della Transizione Ecologica. Un parere atteso entro il prossimo 4 dicembre, anche se l’opera potrebbe beneficiare di tempi più celeri vista la sua natura di opera commissariata e inclusa nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. 

Fatte salve eventuali prescrizioni della commissione VIA, una volta predisposta la delibera regionale - che definisce la localizzazione del tracciato - all’inizio del prossimo anno potrà essere avviato l’iter negoziale, con il lancio del bando di gara per un appalto a lotto unico e integrato. Questa tipologia di appalto vede affidata al vincitore della gara anche la progettazione esecutiva dell’opera, comportando un ulteriore riduzione dei tempi realizzativi.

Al centro dell’incontro anche gli studi in corso da parte di RFI per individuare le soluzioni migliori e più efficaci per proseguire da Ferrandina verso la Puglia e la Dorsale adriatica, per raggiungere Matera in modo sostenibile e sicuro, con collegamenti straregici sia per le persone che per le merci.