Un'officina che si occupa di realizzare componenti per l’infrastruttura ferroviaria inizia a produrre mascherine chirurgiche per far fronte all'emergenza sanitaria. È la storia dell'Officina Nazionale Apparecchiature Elettriche (ONAE) di Rete Ferroviaria Italiana, che a Bologna, dal luglio 2020 ad oggi, ha prodotto 27 milioni di mascherine protettive di tipo IIR certificate dall’Istituto Superiore di Sanità e destinate al personale ferroviario.

È la storia dell'impegno, della flessibilità e della reattività del Gruppo FS in questo difficile periodo pandemico, che è stata raccontata dal responsabile dell'officina Massimo Del Prete al MECSPE di Bologna, fiera di riferimento per l'industria manifatturiera.

La nuova attività ha richiesto l’adattamento di spazi dedicati all’interno dello stabilimento, oltre all’acquisizione e all’installazione di macchinari ad hoc fatti arrivare dalla Cina. L'intera filiera, che conta diciassette risorse impiegnate, è attiva dal lunedì al venerdì dalle 6.30 alle 21.00 e attualmente produce 1 milione e 700 mila mascherine ogni mese.