• Home >
  • Gruppo FS Italiane

Il Gruppo FS al convegno per la celebrazione del 1° anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima

Lorenzo Radice, responsabile Sostenibilità FS Italiane: “Con il Piano industriale 2017- 2026 vogliamo creare sinergie fra attori, tecnologie e infrastrutture per favorire lo shift verso modalità di spostamento più efficienti e meno inquinanti”

Roma, 3 novembre 2017

A un anno dall'entrata in vigore dell'Accordo di Parigi sul clima (4 dicembre 2016), si è svolto oggi nella sala Aldo Moro della Camera dei Deputati un convegno organizzata da Kyoto Club, dove si è discusso delle prospettive della sua attuazione.

Al centro del dibattito, l’importanza della riduzione delle emissioni inquinanti e l’abbandono delle energie fossili a favore di nuove fonti rinnovabili per contenere il surriscaldamento delle temperature globali.

Al convegno hanno partecipato, fra gli altri, Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati, Ermete Realacci, Presidente Commissione Ambiente e Territorio della Camera dei Deputati, e Gianni Girotto, Capogruppo del M5S nella X Commissione Industria, Commercio, Turismo, Energia del Senato della Repubblica.

Per il Gruppo FS Italiane è intervenuto Lorenzo Radice, Responsabile Sostenibilità, che ha parlato delle strategie dell’azienda per favorire modalità di spostamento più efficienti e meno inquinanti.

Gli obiettivi fissati con l'accordo di Parigi - ha sottolineato Radice - rappresentano un punto fermo della strategia per il contenimento dei cambiamenti climatici e devono orientare le scelte di Stati, imprese e cittadini. In questo scenario, il settore dei trasporti ha importanti responsabilità in quanto concorre in maniera consistente alle emissioni climalteranti immesse nell'atmosfera.

Il Gruppo FS Italiane
– ha continuato – è da sempre impegnato nel migliorare le proprie performance ambientali con l'obiettivo di contribuire a ridurre l'impronta ecologica delle attività industriali, produttive e dei servizi, individuando le migliori e più innovative soluzioni per rendere sempre più efficienti ed efficaci i processi industriali.

Con il Piano industriale 2017-2026, incardinato su cinque pilastri (infrastrutture integrate, mobilità integrata, digitalizzazione, logistica integrata ed espansione internazionale), il Gruppo FS Italiane vuole creare sinergie fra attori, tecnologie e infrastrutture per favorire lo shift verso modalità di spostamento più efficienti e meno inquinanti per passeggeri e merci.

Inoltre –
ha concluso Radice – il Gruppo FS Italiane, nel prossimo decennio, vuole proporsi come soggetto promotore di un nuovo sistema di mobilità, che favorisca l'integrazione di tutte le modalità di trasporto, collettive e individuali, a tutti i livelli, internazionale e regionale, in un'ottica di sostenibilità sociale, economica e ambientale: questa è la vision alla quale tutte le attività del business stanno concorrendo”.