Referendum del 17 aprile: agevolazioni per gli elettori che si spostano in treno

Riduzione del 70% sul prezzo base per i treni nazionali e del 60% per i convogli del trasporto regionale

Agevolazioni per gli elettori che si spostano in treno

Roma, 15 marzo 2016

Gli elettori che si spostano con Trenitalia per partecipare al referendum popolare di domenica 17 aprile possono usufruire di uno sconto sul biglietto ferroviario utilizzato per raggiungere la sede del proprio seggio elettorale. Chi viaggerà sui treni della media e lunga percorrenza (Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity, IntercityNotte ed Espressi) e del servizio cuccette, potrà avvantaggiarsi di una riduzione pari al 70% rispetto al prezzo base del biglietto, mentre per i servizi del trasporto regionale la riduzione è del 60%.

Per usufruirne sarà necessario esibire, nelle biglietterie e nelle agenzie di viaggio autorizzate, un documento di riconoscimento e, per l’andata, la tessera elettorale. Per il viaggio di ritorno, oltre al documento, sarà necessaria la tessera elettorale con la timbratura del seggio che dimostri l’avvenuta votazione. I biglietti ferroviari possono essere utilizzati in un arco temporale di venti giorni: dall'8 aprile, per il viaggio di andata, fino alle 24 del 26 aprile per il viaggio di ritorno. 

Per gli elettori residenti all’estero, il limite di 10 giorni dei biglietti internazionali è esteso a un mese.

Documenti e biglietti dovranno essere presentati, quando richiesti, al personale di Trenitalia presente a bordo treno. Informazioni di dettaglio sulle norme che disciplinano l’utilizzo del biglietto ferroviario in occasione delle consultazioni elettorali sono disponibili sul sito di Trenitalia nella sezione "Elettori"