• Home >
  • Gruppo FS Italiane

CSR, Help Center: la presentazione del Rapporto ONDS 2016

A Roma presso l'auditorium di Ferrovie dello Stato Italiane. Nel 2016 500mila interventi di assistenza presso i centri

Roma, 26 settembre 2017

Si è svolto oggi presso la sala auditorium di Ferrovie dello Stato Italiane a Roma la presentazione del Rapporto ONDS relativo alle attività svolte nel 2016 dagli Help Center, primo grande progetto promosso dal Gruppo FS Italiane per contrastare e affrontare i fenomeni di disagio sociale presenti nelle stazioni ferroviarie italiane.

Il Rapporto dell’Osservatorio Nazionale sul Disagio e sulla Solidarietà traduce in numeri e statistiche tutte le attività sociali svolte nei 17 Help Center all’interno delle stazioni ferroviarie distribuite sul territorio italiano. Gli Help Center italiani, insieme agli altri centri di accoglienza, occupano circa 15.500 mq di spazi all’interno di grandi e medie stazioni, messi a disposizione in comodato d’uso gratuito da FS Italiane a Comuni e associazioni.

Tema dell'incontro odierno "Dove sta andando la CSR?", ad aprire la discussione sulle principali attività di responsabilità sociale del Gruppo FS Italiane, l'AD e DG Renato Mazzoncini.

I DATI
Sono circa 500mila gli interventi di assistenza effettuati nel 2016 dagli Help Center, tra questi, l’85% ha riguardato servizi di sostegno di base (docce, pasti e distribuzione di vestiario) con un forte incremento rispetto al 2015, a testimonianza dell’impatto significativo dei flussi migratori che ruotano attorno alle stazioni, in particolar modo nel Sud Italia. 
L’altro 15% include invece interventi di accompagnamento e orientamento.

Sale, poi, del 7% il dato delle persone che si sono registrate presso gli Help Center e cresce anche il dato di chi si è rivolto a queste strutture per la prima volta (+18%), mentre diminuisce leggermente (-2,2%) il numero degli utenti abituali. Tra gli utilizzatori, circa 6mila gli italiani, 5mila gli stranieri comunitari e 11mila gli extracomunitari.

Gli Help Center hanno totalizzato circa 4.500 giorni di apertura, con 32mila ore di attività, 46 operatori sociali attivi ogni ora su tutta la rete e 850 volontari.

Leggi anche Il Rapporto ONDS 2015

Sfoglia il Rapporto