• Home >
  • Gruppo FS Italiane

Mobilità: FS Italiane presente a CES 2020 con due progetti di co-innovazione

Realizzati da Trenitalia e Italferr in collaborazione con aziende e start up italiane

Roma, 8 gennaio 2020

Presentati al Consumer Electronics Show (CES) 2020 di Las Vegas, dalle start up italiane Guardian e Tolemaica, due progetti innovativi sulla mobilità, selezionati e sviluppati in collaborazione con Trenitalia e Italferr, con il coordinamento della Capogruppo FS Italiane.

In particolare, la start up Guardian, vincitrice della challenge di open innovation svolta dalla Regione Lazio in collaborazione con Trenitalia, ha realizzato il prototipo Sentinel che, attraverso l’applicazione di tecnologie di Intelligenza Artificiale, può offrire alle persone servizi sempre più personalizzati, sicuri e di qualità (riconoscimento e validazione del biglietto, monitoraggio, tracciamento e antitaccheggio del bagaglio, rilevazione minacce, aggressioni, danneggiamenti o furti) sui treni ad alta velocità.

Dalla collaborazione di Italferr con Sirti e TolemaicaStudiomapp e DiFly, si è giunti all’ideazione e co-progettazione del sistema DeoS: Digital eyes on Site. Il sistema, pensato per semplificare, organizzare e automatizzare i processi di acquisizione ed elaborazione dei dati e delle immagini usate a supporto delle attività di progettazione nei cantieri, è stato sviluppato nell’ambito del programma OPEN ITALY di ELIS e prevede l’uso integrato di strumenti innovativi e tecnologie di Object DetectionArtificial IntelligenceMachine Learning e Process Orchestraction.

La partecipazione a CES 2020 rappresenta per FS Italiane non solo l’opportunità di presentare all’estero il proprio know-how tecnologico, ma anche di entrare in contatto con l’ecosistema internazionale dell’innovazione, in ottica di open innovation. Inoltre, i progetti presentati a Las Vegas dalle start up selezionate, confermano la grande attenzione di FS Italiane per le persone che scelgono il treno per i propri spostamenti di lavoro, studio, svago e turismo, rafforzando l’impegno del Gruppo per migliorare la qualità dei servizi e la personalizzazione dell’offerta.

Impegno confermato anche dai 58 miliardi di euro di investimenti previsti dal Piano industriale 2019-2023.