• Home >
  • Gruppo FS Italiane

Il nuovo biglietto regionale di Trenitalia

Dal 1° agosto 2016, al momento dell’acquisto, è necessario indicare il giorno in cui si vuole viaggiare

Dal 1° agosto 2016, al momento dell’acquisto, è necessario indicare il giorno in cui si vuole viaggiare

Cosa cambia dal 1° agosto? Di seguito alcune informazioni utili.

Perché il nuovo biglietto regionale aiuta a combattere il fenomeno dell’evasione ed elusione?

  • Utilizzabilità un giorno: in caso di mancata convalida, non può essere utilizzato il giorno successivo, come accadeva con i biglietti con periodo di utilizzabilità di 60 giorni. Il biglietto infatti vale solo per il giorno indicato al momento dell’acquisto e riportato sul biglietto (ferma restando la possibilità di poter cambiare la data).
     

  • Origine/destinazione: tutti i biglietti riportano l’indicazione delle due stazioni, di partenza e di arrivo, rendendo più immediati e facili i controlli da parte del capotreno.tutti i biglietti riportano l’indicazione delle due stazioni, di partenza e di arrivo, rendendo più immediati e facili i controlli da parte del capotreno.
  • Validità 4h (anziché 6/24h): rende più difficile il riutilizzo del biglietto da parte di un secondo viaggiatore nell’ambito della sua validità temporale (vale soprattutto sulle brevi tratte), essendo il biglietto non nominativo.

Quali altri vantaggi offre?

  • Recupero dell’evasione e maggiore disponibilità per investimenti/collegamenti/miglioramenti del servizio.
  • Programmazione più aderente ai picchi di domanda, conoscendo la data e l’origine e la destinazione del viaggio per ciascun passeggero.
  • Permette controlli a bordo treno più veloci.
  • Soddisfazione per i passeggeri paganti.

Ma rendono difficile la vita al viaggiatore…

Il viaggiatore che rispetta le regole e paga regolarmente il suo biglietto ha la sensazione di essere supportato dall’azienda, che controlla presidia  e sanziona chi le regole non le rispetta. Il passeggero, da indagine interna, acquista il biglietto:

  • l’85% delle volte nella stessa giornata del viaggio. Per loro, la maggioranza, non cambia nulla.
  • Il 10% il giorno prima del viaggio: anche per loro, in sostanza, non cambia nulla.
  • Il restante 5% acquista il biglietto e non sa quando viaggerà.

La riduzione del periodo di utilizzabilità è stata decisa soltanto ora, dopo aver raggiunto un’ampia capillarità della rete di vendita Trenitalia che oggi può contare, in tutta Italia, su 69.468 PVT - Punti Vendita Terzi (terminali Sisal, Lottomatica, Tabaccai), oltre a 2.500 punti Trenitalia (sportelli e self service Agenzie di Viaggio convenzionate).

Inoltre i canali digitali sono sempre più diffusi e facili da utilizzare: gli acquisti sul sito e con l’App Trenitalia sono cresciuti percentualmente del 47%nell’ultimo anno.

In tal senso Trenitalia ha comunicato già da diverso tempo che “il tuo biglietto è ovunque”, proprio per ampliare la consapevolezza della clientela sulle diverse e numerose opportunità di acquisto.

Ma se un viaggiatore cambia idea, o non può più partire, che succede?

Può cambiare la data (una sola volta) ed entro le 23,59 del giorno prima del viaggio acquistato (data riportata sul biglietto):

  • gratuitamente presso le biglietterie e le self service Trenitalia.
  • Pagando 50 centesimi presso i punti vendita terzi.
  • Pagando una commissione (fee variabile) presso le singole Agenzie di viaggio.

Inoltre, con le stesse modalità di prima, e sempre entro le 23,59 del giorno prima del viaggio acquistato (data riportata sul biglietto), può:

  • cambiare l’itinerario, con una penale del 20% (massimo €3,00).
  • Richiedere il rimborso del biglietto, con una penale del 20% (rimborso minimo €8,00).

In Europa cosa accade?

La maggior parte dei Paesi europei emette biglietti con utilizzabilità pari a un giorno.
 

Ma non potevate intensificare i controlli? Spesso i controllori non passano…

È stato fatto e continueremo a farlo in maniera sistematica e strutturata in tutte le regioni, con l’aiuto di agenti Trenitalia provenienti da tutt’Italia (un vero e proprio pool nazionale), che battono a tappeto, da una settimana all’altra, soprattutto le linee e i treni dove si annida maggiormente il fenomeno. 

Stiamo parlando, a oggi, di un 8% circa di passeggeri che non pagano. Tutta la nostra attività, incluso il varo del nuovo biglietto, è finalizzata a recuperare risorse da destinare ad un miglioramento  del servizio offerto.

Il nuovo biglietto regionale è soltanto una, certamente importante, delle tante azioni del piano complessivo antielusione e antievasione che Trenitalia ha avviato dallo scorso anno; tra queste:

  • la costituzione di un Pool nazionale antievasione che si affianca all’attività del capotreno.
  • Stretta collaborazione tra Trenitalia e Polfer per l’individuazione dei treni ove effettuare controlli congiunti, il supporto degli Agenti Polfer.
  • Varchi e tornelli nelle principali stazioni italiane.
  • Telecamere a bordo treno che trasmettono le immagini dell’interno del treno in tempo reale.
  • Nuove tecnologie che consentono al capotreno di individuare elettronicamente – e senza dubbio - i biglietti contraffatti o già utilizzati.
  • Azione più incisiva sugli evasori recidivi.