Gruppo Ferrovie dello Stato

Logo Ferrovie dello Stato

Firmato il Contratto istituzionale di sviluppo per la modernizzazione della direttrice ferroviaria Messina - Catania - Palermo

Roma, 28 febbraio 2013

Collegamenti ferroviari più veloci tra Catania, Palermo e Messina.

Oggi a Roma, presso la sala stampa di Palazzo Chigi, è stato sottoscritto il Contratto istituzionale di sviluppo (CIS) per la modernizzazione della direttrice ferroviaria Messina - Catania - Palermo.

Si tratta del terzo “CIS” firmato dal Governo, e arriva a compimento dopo la positiva esperienza di quelli relativi alla realizzazione della direttrice ferroviaria Napoli - Bari - Lecce - Taranto del 2 agosto scorso e alla velocizzazione della direttrice ferroviaria Salerno - Reggio Calabria del 18 dicembre.

Il Contratto interessa 5 macro-interventi per un totale di 14 opere, per le quali, a fronte di un costo complessivo di 5.106,1 milioni di euro, sono già disponibili 2.426 milioni.

Il “CIS” per la modernizzazione della direttrice ferroviaria Messina - Catania - Palermo è stato sottoscritto dal Ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, dal Ministro allo Sviluppo Economico, alle Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera, dal Governatore della Regione Sicilia, Rosario Crocetta e dagli amministratori delegati del Gruppo FS Italiane, Mauro Moretti, e di Rete Ferroviaria Italiana, Michele Mario Elia.

Le fonti dei fondi sono così suddivise:  

 1.153,5 milioni a valere su fondi statali;
 21 milioni a valere sulla Legge Obiettivo;
 500 milioni a valere sulla riduzione del cofinanziamento statale di cui al Piano d’Azione e Coesione;
 517,2 milioni a valere sui programmi comunitari 2007-2013, di cui 280 milioni sul POR Sicilia e 237,2 sul PON “Reti e Mobilità”;
 217,3 milioni a valere su risorse liberate del PON Trasporti 2000-2006;
 17 milioni a valere su risorse Fondo Sviluppo e Coesione già a disposizione del MIT.

Gli interventi complessivi che scaturiranno dai lavori, dalle progettazioni e dagli studi previsti nel Contratto consentiranno di raggiungere tre risultati:  

• una progressiva forte riduzione dei tempi di percorrenza e della frequenza e qualità del servizio fra tre importanti aree metropolitane della Sicilia. Con gli interventi già finanziati e per cui è già deciso il tracciato, avviati i lavori o la progettazione, si ottiene una riduzione complessiva di oltre il 10% dei tempi di percorrenza fra Messina e Palermo;
• un miglioramento dell’accessibilità delle aree interne della Sicilia centrale e della Sicilia meridionale ai grandi centri metropolitani;
• una maggiore efficienza dei nodi ferroviari di Catania e Palermo.

Gli interventi:  

lungo la linea Messina - Catania (valore investimenti: 383,8 milioni di euro) è prevista la progettazione del raddoppio della tratta Giampilieri - Fiumefreddo (che resta ancora da coprire finanziariamente). Per il nodo di Catania verrà completato il raddoppio dei binari nella tratta che va da Catania Ognina a Catania Centrale, progettato l’interramento della Stazione Centrale e realizzato il raddoppio del bivio Zurria - Catania Acquicella.
sulla linea Catania - Palermo (valore investimenti: 823,4 milioni di euro) verranno raddoppiati i binari nelle tratte Bicocca - Motta - Catenanuova e Catenanuova - Raddusa-Agira, al fine di raggiungere una velocità da 200 km all’ora e di consentire una crescita nella frequenza dei collegamenti. Per quanto riguarda la tratta Raddusa -Enna - Fiumetorto è prevista la tempestiva realizzazione di uno studio di fattibilità, d’intesa con la Regione Siciliana, per valutare tre soluzioni alternative: 1) riqualificazione della linea ferroviaria esistente; 2) variante di tracciato Enna-Pollina-Castelbuono; 3) variante di tracciato contigua all’asse autostradale Catania - Palermo.
interventi tecnologici lungo le linee Messina - Catania e Catania - Palermo e la realizzazione del nodo di Palermo (valore investimenti: 1.218,8 milioni di euro).

Con la firma del Contratto, Governo, Regione Siciliana, FS Italiane e RFI si impegnano a:  

• collaborare e coordinarsi utilizzando strumenti di semplificazione amministrativa e procedimenti di decisione e controllo previsti dalle normative vigenti;
 rimuovere gli ostacoli che dovessero sorgere durante l’esecuzione degli impegni assunti per la realizzazione degli interventi accettando, in caso di inerzia, ritardo o inadempienza accertate, le misure sanzionatorie previste dal Contratto stesso;
• eseguire periodicamente un monitoraggio necessario alla verifica del Contratto, anche per attivare prontamente le risorse necessarie;
• mettere in atto una verifica semestrale del Contratto, anche per far partire prontamente i provvedimenti necessari alla realizzazione degli interventi;
• effettuare i controlli che garantiscano correttezza e regolarità della spesa.

Documenti

Notizie e informazioni utili della tua regione

Clicca sulla regione che ti interessa
clicca sulla regione di interesse Calabria Sicilia Sardegna Basilicata Puglia Molise Lazio Abruzzo Marche Friuli Venezia Giulia Campania Piemonte Liguria Toscana Umbria Emilia-Romagna Lombardia Veneto Valle d'Aosta Trentino Alto Adige
Aiuto  |  Mappa  |  Accessibilità   |  Credits
© Gruppo Ferrovie 2016  |  Contatti  |  Termini e Condizioni  |  cookie  |  Partita Iva 06359501001