FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo FS Italiane, ha sottoscritto nel mese di dicembre con il Comune di Diano Marina l’atto per la cessione di circa 37mila mq di ex sedime ferroviario dismesso, propedeutico alla realizzazione della Ciclovia Tirrenica. Un progetto finanziato da fondi PNRR, il cui assetto finale dovrebbe collegare Ventimiglia a Civitavecchia.

 

Un ulteriore passo in avanti per collegare la Pista Ciclabile del Ponente Ligure, una delle più suggestive d’Europa. Un dipinto su strada di rara bellezza che ha la particolarità di essere a contatto con il mare e protetta dai muri ottocenteschi costruiti per la ferrovia. Una pista unica nel suo genere, a volte difficoltosa da percorrere per i forti venti e le mareggiate ma che regala scorci stupendi di un’Italia invidiata da tutto il Mondo. Con un percorso fruibile sia da pedoni che da ciclisti e in entrambi i sensi di marcia la pista, lunga complessivamente 24 km, è completamente asfaltata e dotata di segnaletica orizzontale e verticale, impianto di sorveglianza e di richiesta soccorso.

Ciclovia Ponente Ligure

Un progetto nato nel 1998 con la sottoscrizione di un AdP (Accordo di Programma) tra Ministero dei Trasporti, la Regione Liguria, Ferrovie dello Stato Italiane, le province di Savona, Imperia ed i comuni territorialmente, con il quale veniva approvato il progetto preliminare inerente lo spostamento a monte della nuova linea ferroviaria Genova – Ventimiglia nel tratto Finale Ligure – S. Lorenzo al Mare. Nel 2005 la società per azioni Area 24 inizia ad appaltare il primo lotto funzionale relativo alla realizzazione della pista ciclopedonale della Riviera dei Fiori e termina l’opera, su tutti i 24 Km a maggio 2015. Nel 2016 invece si conclude il raddoppio della tratta ferroviaria San Lorenzo al Mare – Andora, che di fatto rende disponibili anche gli altri 20 km circa di tracciato ferroviario, per un totale di circa 360mila mq di aree, comprensive delle ex stazioni e dei parchi ferroviari. Due anni più tardi con la sottoscrizione del Protocollo d’Intesa con i Comuni territorialmente interessati e la Regione Liguria, l’idea di realizzare su tali aree in continuità con Area 24 e Ciclovia dei Fiori, una pista ciclopedonale quella del Ponente Ligure di circa 20 km di lunghezza che unita alla Ciclovia dei Fiori, si sviluppa per un totale di circa 44 km.

Ciclovia sostenibilità

Un’esperienza da vivere e che riporta ad ogni km percorso ad uno scorcio di storia dai tratti romantici, inoltre è da sottolineare che ad un solo un anno dalla sua inaugurazione la Pista Ciclabile del Ponente Ligure è stata scelta come prima tappa del Giro d’Italia 2015, per la cronosquadre di 18 km da San Lorenzo al Mare a Sanremo.  

Articoli correlati