Aggiudicata un’altra gara della nuova linea Napoli-Bari.

È stata perfezionata, infatti, quella di appalto integrato per la realizzazione del tratto di circa 20 km del tracciato Telese-San Lorenzo Maggiore-Vitulano.

 

Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) ha assegnato la gara alla costituenda Associazione Temporanea di Imprese GHELLA (capogruppo mandataria), Salcef e Coget Impianti, per un importo di oltre 470 milioni di euro.

Oltre alle ricadute vantaggiose in termini occupazionali e per l’indotto, la realizzazione degli interventi, consentirà una riduzione dei tempi di viaggio e l’aumento della capacità di traffico passeggeri e merci.

 

Il raddoppio della tratta, costituita dai lotti funzionali Telese-San Lorenzo Maggiore e San Lorenzo Maggiore-Vitulano, renderà possibile un servizio ferroviario più affidabile grazie all’incremento degli standard di sicurezza che si traducono in maggiore regolarità e puntualità.

 

Altri effetti positivi dell’intervento sono l’eliminazione di tutti i passaggi a livello esistenti sulla linea attuale, che sarà dismessa e riqualificata nell’ambito di specifici Accordi con la Regione Campania.

 

L’aggiudicazione della gara segue quelle dello scorso anno per le tratte Frasso-Telese e Apice-Hirpinia, per le quali avverrà a breve la consegna dei lavori ai rispettivi aggiudicatari. A febbraio 2020 si è chiusa, inoltre, la conferenza di servizi per la tratta di valico Hirpinia-Orsara dell’itinerario Napoli-Bari, in linea con la programmazione prevista dal Commissario di Governo, nonché AD e DG di RFI, che contempla come prossima tappa l’avvio delle attività negoziali degli ultimi due lotti (Hirpinia-Orsara e  Orsara-Bovino).