RFI: firmato protocollo di legalità per il nodo di Bari Sud

Per prevenire e contrastare le infiltrazioni criminali

Bari, 19 luglio 2018

Firmato un Protocollo di legalità tra la Prefettura di Bari e Rete Ferroviaria Italiana per la variante di tracciato della linea ferroviaria Bari-Lecce, nel tratto compreso tra Bari Centrale e Bari Torre a Mare per prevenire e contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata in materia di appalti, servizi e forniture pubbliche.

Il documento, siglato anche dall’Appaltatore e dalle organizzazioni sindacali di categoria, riguarderà tutta la filiera delle imprese affidatarie dei lavori che a qualunque titolo saranno impegnate nella realizzazione dell’opera.

Il Protocollo prevede la collaborazione tra le Prefetture e il Gestore dell’infrastruttura per vigilare sul pieno rispetto della legalità nei contratti pubblici, sviluppando, in aggiunta agli standard richiesti dalla normativa, ulteriori forme di controllo, scambio di informazioni e procedure che ne garantiscano la trasparenza.

L’attività rientra fra le iniziative intraprese dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il coordinamento della Direzione Centrale Protezione Aziendale per tutelare la realizzazione di opere e la prestazione di servizi di interesse pubblico da ogni tentativo di infiltrazione da parte della criminalità organizzata.

La variante della linea ferroviaria consentirà di liberare il centro di Bari e tutta la città dalla presenza di una linea che la divide in due parti e di migliorare l’interoperabilità tra la rete RFI e le altre ferrovie concesse.

L’attivazione è prevista nel 2023.