• Home >
  • Infomobilità

Riaperto il tratto di linea Melito Porto Salvo - Brancaleone

Resta ancora esclusa dai collegamenti, sia stradali sia ferroviari, la relazione Bovalino - Brancaleone

Riaperto il tratto di linea Melito Porto Salvo - Brancaleone, ancora esclusa dai collegamenti, sia stradali sia ferroviari, la relazione Bovalino - Brancaleone

Aggiornamento ore 19:00 del 6 novembre 2015

Riaperto in Calabria, in anticipo rispetto ai tempi previsti, anche il tratto di linea Melito Porto Salvo - Brancaleone, sulla direttrice Jonica.

Da sabato 7 novembre, alcuni treni potranno tornare a circolare, con un’offerta commerciale integrata da servizi sostitutivi con autobus.

Resta ancora esclusa dai collegamenti, sia stradali sia ferroviari, la relazione Bovalino - Brancaleone.

Il ripristino totale della linea Jonica è previsto entro i primi giorni della prossima settimana.

Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana e delle ditte esterne di manutenzione stanno lavorando incessantemente 24 ore su 24 per ultimare gli interventi di ripristino e messa in sicurezza dell’infrastruttura ferroviaria, danneggiata dall’ondata di maltempo che nelle scorse settimane ha colpito la dorsale Jonica.

Fino a conclusione dei lavori e riapertura definitiva della linea ferroviaria rimarrà operativo il programma di collegamenti con treno e autobus i cui dettagli sono disponibili nelle stazioni, uffici assistenza clienti e sui canali informativi on line del Gruppo FS Italiane.

Aggiornamento ore 16.00 del 4 novembre 2015

Da giovedì 5 novembre 2015:
 

  • Trenitalia ripristina i collegamenti ferroviari tra Roccella Jonica e Bovalino
  • servizio sostitutivo con autobus tra Melito Porto Salvo e Brancaleone


Resta escluso dai collegamenti ferroviari e stradali il solo tratto di 22 km tra Brancaleone e Bovalino.

Nelle stazioni di Melito Porto Salvo (7:00-15:00), Brancaleone (7:00-15:00), Roccella Jonica (orario di biglietteria), Catanzaro Lido (7:00-15:00) e Bovalino (7:00-15:00) istituito un servizio straordinario di assistenza e informazioni alla clientela.

Il dettaglio dei provvedimenti:

 

Bus tratta Melito - Brancaleone
  • 12706 partenza ore 05:33 - arrivo ore 05:53
  • 12710 partenza ore 06:38 - arrivo ore 07:13
  • 12724 partenza ore 08:00 - arrivo ore 08:22
  • 12712 partenza ore 09:00 - arrivo ore 09:30
  • 12714 partenza ore 11:00 - arrivo ore 11:30
  • 12716 partenza ore 12:53 - arrivo ore 13:21
  • 12718 partenza ore 13:46 - arrivo ore 14:21
  • 3734   partenza ore 15:06 - arrivo ore 15:32
  • 12678 partenza ore 16:04 - arrivo ore 16:30
  • 12720 partenza ore 17:35 - arrivo ore 18:04
  • 12722 partenza ore 18:41 - arrivo ore 19:13

Bus tratta Brancaleone - Melito
  • 12709 partenza ore 06:25 - arrivo ore 06:58
  • 8549   partenza ore 07:14 - arrivo ore 07:38
  • 12711 partenza ore 07:58 - arrivo ore 08:33
  • 12707 partenza ore 09:57 - arrivo ore 10:19
  • 12715 partenza ore 11:59 - arrivo ore 12:38
  • 12717 partenza ore 14:00 - arrivo ore 14:32
  • 12719 partenza ore 15:33 - arrivo ore 16:02
  • 12721 partenza ore 18:05 - arrivo ore 18:32
  • 12713 partenza ore 19:37 - arrivo ore 19:59
  • 12723 partenza ore 19:58 - arrivo ore 20:27


Treno tratta Bovalino - Roccella
  • 12706 partenza ore 06:00 - arrivo ore 06:29; originario da Locri
  • 12710 partenza ore 07:36 - arrivo ore 08:03
  • 12724 partenza ore 08:36 - arrivo ore 09:05
  • 12712 partenza ore 09:29 - arrivo ore 10:19
  • 12714 partenza ore 11:53 - arrivo ore 12:22
  • 12716 partenza ore 13:43 - arrivo ore 14:22
  • 12718 partenza ore 14:45 - arrivo ore 15:20; cancellato
  • 3734   partenza ore 15:50 - arrivo ore 16:22
  • 12678 partenza ore 16:52 - arrivo ore 17:11
  • 12720 partenza ore 18:23 - arrivo ore 18:55
  • 12722 partenza ore 19:40 - arrivo ore 20:09


Treno tratta Roccella - Bovalino
  • 12709 partenza ore 05:34 - arrivo ore 06:06; limitato a Locri
  • 8549   partenza ore 06:50 - arrivo ore 06:55
  • 12711 partenza ore 07:02 - arrivo ore 07:35
  • 12707 partenza ore 09:10 - arrivo ore 09:35
  • 12715 partenza ore 11:10 - arrivo ore 11:38
  • 12717 partenza ore 13:05 - arrivo ore 13:42
  • 12723 partenza ore 18:56 - arrivo ore 19:22; cancellato
  • 12719 partenza ore 14:44 - arrivo ore 15:11
  • 8551   partenza ore 16:08 - arrivo ore 16:43
  • 12721 partenza ore 17:16 - arrivo ore 17:42
  • 12723 partenza ore 19:10 - arrivo ore 19:39

Aggiornamento ore 19:00 del 2 novembre 2015

Roma, 2 novembre 2015

Il maltempo che flagella il Sud, in particolare in Calabria, Campania e Sicilia, ha provocato danni ingenti e diversi disagi alla mobilità ferroviaria, oltre che stradale. 

Basti pensare che nella sola zona montana calabrese la pioggia caduta negli ultimi giorni è pari a quella di un anno intero. 

Dopo un primo sopralluogo alla Prefettura di Reggio Calabria, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio parla di una situazione “molto seria”, aggiungendo che insieme al Presidente di Regione Mario Oliverio e alla Protezione Civile si sta procedendo a fare la conta dei danni, in particolare nella zona ionica, la più colpita. 

In serata lo stesso ministro Delrio ha aggiunto: “Abbiamo 250 uomini impegnati nelle operazioni per ripristinare al massimo entro dieci giorni la ferrovia calabrese, che è interrotta per circa 750 metri. Lavoreremo 24 ore al giorno su turni costanti”.

CALABRIA

Sul versante ferroviario nella giornata odierna sono state riaperte al traffico le tratte calabresi Roccella Jonica - Monasterace (linea Catanzaro Lido - Roccella Jonica) e Roccella Jonica - Bianco (linea Roccella Jonica - Melito Porto Salvo), rispettivamente alle ore 11.30 e alle ore 13. 

Resta invece interrotta la circolazione ferroviaria fra Bianco e Melito Porto Salvo

Nel pomeriggio di ieri le abbondanti piogge sono state la causa di uno smottamento che ha interessato sia la sede ferroviaria, fra le stazioni Ferruzzano e Brancaleone, sia la Strada Statale 106. 

Per ripristinare l’infrastruttura danneggiata è necessario ricostruire circa 700 metri di rilevato ferroviario, distrutto dall’esondazione del torrente Ferruzzano. 

Per garantire la mobilità sono stati istituiti servizi di autobus sostitutivi fra Roccella Jonica, Rosarno e Reggio Calabria, nei limiti consentiti dalle condizioni della viabilità stradale. 

Due treni a lunga percorrenza (Intercity 562 e 559) sono stati limitati a Catanzaro e Reggio Calabria e autosostituiti con bus via Lamezia Terme.

Alle 20.50 di ieri, domenica 1 novembre, dopo gli interventi di pulizia dell’alveo sotto il ponte ferroviario è ripresa la circolazione ferroviaria fra Bagnara e Villa San Giovanni Cannitello (linea Paola - Reggio Calabria). 

Sono comunque previsti allungamenti dei tempi di viaggio per la riduzione di velocità (30 km/h) imposta ai treni, in via precauzionale, su alcuni tratti di linea per l’allarme meteo ancora in atto. 

Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana e di una ditta esterna di manutenzione - circa 250 uomini - stanno monitorando l’evolversi della situazione e in particolare le condizioni di sicurezza per la percorribilità dei binari da parte dei treni.

Intanto il livello di criticità contenuto nel bollettino meteo della Calabria - aggiornato dal Centro Funzionale Multirischi dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Calabria - è sceso a “giallo”, con valore dalle 16 di oggi alla stessa ora di domani.

CAMPANIA

Per quello che riguarda il traffico ferroviario in Campania, la circolazione dei treni è sospesa dal 29 ottobre  fra Baronissi - Acquamela e Fisciano - Mercato San Severino (linea Salerno - Mercato San Severino), per i danni provocati dalla grande mole d’acqua caduta nei giorni scorsi sulla regione. 

Fra Salerno e Mercato San Severino è attivo un servizio sostitutivo con autobus. 

Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana e delle imprese esterne di manutenzione sono al lavoro per ripristinare l’infrastruttura danneggiata da frane e smottamenti. 

L’ultimazione degli interventi di ripristino e messa in sicurezza dei binari, in relazione agli ingenti danni registrati, è prevista entro fine novembre 2015.

Aggiornamento ore 14:00 del 2 novembre 2015

Alle ore 13:00 è stata riaperta al traffico ferroviario la tratta Roccella Jonica - Bianco (linea Roccella Jonica - Melito Porto Salvo). 

Resta interrotta la circolazione fra Bianco e Melito Porto Salvo

Nel pomeriggio di ieri si è verificato uno smottamento che sta interessando sia la sede ferroviaria, fra le stazioni di Ferruzzano e Brancaleone, sia la Strada Statale 106.

Per ripristinare l’infrastruttura danneggiata è necessario ricostruire circa 700 metri di rilevato ferroviario, distrutto dall’esondazione del torrente Ferruzzano.

Per garantire la mobilità sono stati istituiti servizi di autobus sostitutivi fra Roccella Jonica, Rosarno e Reggio Calabria, nei limiti consentiti dalle condizioni della viabilità stradale.

Due treni a lunga percorrenza (Intercity 562 e 559) sono stati limitati a Catanzaro e Reggio Calabria e autosostituiti con bus via Lamezia Terme.

Alle 20:50 di ieri,  domenica 1 novembre, dopo gli interventi di pulizia dell’alveo sotto il ponte ferroviario (eliminazione di detriti, frasche, arbusti e tronchi d’albero trasportati dal torrente Condoleo) è ripresa la circolazione ferroviaria fra Bagnara e Villa San Giovanni Cannitello (linea Paola - Reggio Calabria). 

Previsti comunque allungamenti dei tempi di viaggio per la riduzione di velocità (30 km/h), imposta ai treni, in via precauzionale, su alcuni tratti di linea per l’allarme meteo ancora in atto. 

Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana e di una ditta esterna di manutenzione – circa 250 uomini – stanno monitorando l’evolversi della situazione e in particolare le condizioni di sicurezza per la percorribilità dei binari da parte dei treni.

Aggiornamento ore 11:30 del 2 novembre 2015

È ripreso il traffico ferroviario fra Roccella Jonica e Monasterace sulla linea Catanzaro - Roccella Jonica, sospeso da questa notte per danni dovuti al maltempo.

L'offerta commerciale è in corso di riprogrammazione.

Aggiornamento ore 09:30 del 2 novembre 2015

A causa dei danni provocati dal maltempo che si è abbattuto sulla Calabria nelle ultime ore, la circolazione ferroviaria è stata interrotta anche fra Roccella Jonica e Monasterace, sulla linea Catanzaro - Roccella Jonica.

I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per ripristinare l'infrastruttura ferroviaria.

Aggiornamento ore 21:30 del 1 novembre 2015

Alle 20.50, dopo le verifiche tecniche all’infrastruttura, è ripresa la circolazione ferroviaria fra Bagnara e Villa San Giovanni Cannitello, linea Paola - Reggio Calabria.

Previsti comunque allungamenti dei tempi di viaggio per la riduzione di velocità (30 km/h), imposta ai treni, in via precauzionale, su questo tratto di linea per l’allarme meteo ancora in atto.

È stato riprogrammato il servizio commerciale dei treni nazionali diretti a Reggio Calabria con l’attivazione di servizi sostitutivi con autobus dalle stazioni di Lamezia Terme e Rosarno.

Il traffico ferroviario era stato sospeso alle 16.30 per il pericolo di esondazione del torrente Condoleo, fra le località di Favazzina e Scilla, e possibile conseguente frana sui binari.

I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e di una ditta esterna di manutenzione stanno monitorando l’evolversi della situazione e in particolare le condizioni di sicurezza per la percorribilità dei binari da parte dei treni.

Aggiornamento ore 21:00 del 1 novembre 2015

Per l’allagamento della sede ferroviaria, in seguito all’ondata di maltempo che sta interessando la zona, dalle 13.30 è sospeso il traffico ferroviario fra Roccella Jonica e Palizzi, sulla linea Roccella Jonica – Melito Porto Salvo.

Inoltre, alle 15.00 si è registrato uno smottamento che sta interessando sia la sede ferroviaria, fra le stazioni di Ferruzzano e Brancaleone, sia la Strada Statale 106.

Malgrado le difficoltà di circolazione che il maltempo causa anche sulla rete stradale,  sono stati istituiti servizi sostitutivi con autobus e i viaggiatori i cui treni erano in sosta nelle stazioni di Locri, Brancaleone e Roccella Jonica sono stati trasportati a Reggio Calabria seguendo itinerari stradali alternativi.

Per il pericolo di esondazione del torrente Condoleo, fra le località di Favazzina e Scilla, con possibile conseguente frana sui binari, il traffico ferroviario è sospeso dalle 16.30 fra Bagnara e Villa San Giovanni Cannitello, sulla linea Paola – Reggio Calabria.

I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e di una ditta esterna di manutenzione stanno monitorando l’evolversi della situazione e in particolare le condizioni di sicurezza per la percorribilità dei binari da parte dei treni.

Per garantire la mobilita verso Reggio Calabria e Sicilia, Trenitalia è in costante raccordo con la Protezione Civile (impegnata anche nell’assistenza ai passeggeri), per attivare, con difficoltà per l’impraticabilità delle strade, servizi sostitutivi con autobus per consentire alla clientela in viaggio di raggiungere le destinazioni.

Per i treni notturni in partenza dalla Sicilia, si segue costantemente l’evolversi della situazione per valutare la possibilità di effettuazione dei collegamenti su ferro dalla Sicilia verso Nord.

Aggiornamento ore 19:30 del 1 novembre 2015

Per il pericolo di esondazione del torrente Condoleo, fra le località di Favazzina e Scilla, e possibile conseguente frana sui binari, il traffico ferroviario è sospeso dalle 16.30 fra Bagnara e Villa San Giovanni Cannitello, linea Paola – Reggio Calabria.

I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e di una ditta esterna di manutenzione stanno monitorando l’evolversi della situazione e in particolare le condizioni di sicurezza per la percorribilità dei binari da parte dei treni.

Per garantire la mobilita in direzione Reggio Calabria e Sicilia Trenitalia, in raccordo con la Protezione Civile (impegnata anche nell’assistenza ai viaggiatori), sta cercando di attivare, con difficoltà per l’impraticabilità delle strade, servizi sostitutivi con autobus.

Questa la situazione dei convogli in viaggio verso Sud: 

InterCity 551 (Roma - Reggio Calabria) fermo a Bagnara; InterCity 727 (Roma – Siracusa) fermo a Rosarno; InterCity 553 (Roma - Reggio Calabria) fermo a Lamezia Terme; Frecciargento 9877 (Roma - Reggio Calabria) fermo a Lamezia Terme.

Per i treni notturni in partenza dalla Sicilia Trenitalia sta seguendo l’evolversi della situazione per valutare la fattibilità di effettuare i collegamenti su ferro dalla Sicilia verso Nord.

Aggiornamento ore 18:00 del 1 novembre 2015


Linea Roccella Jonica - Melito Porto Salvo: circolazione sospesa fra Roccella e Palizzi 

Per l’allagamento della sede ferroviaria, in seguito all’ondata di maltempo che sta interessando la zona, dalle 13.30 è sospeso il traffico ferroviario fra Roccella Jonica e Palizzi, linea Roccella Jonica – Melito Porto Salvo.
Inoltre, dalle 15.00 in atto uno smottamento che sta interessando sia la sede ferroviaria fra le stazioni di Ferruzzano e Brancaleone sia la S.S. 106.

Malgrado le difficoltà, per il maltempo, di circolazione anche sulla rete stradale sono stati istituiti servizi sostitutivi con autobus e i viaggiatori i cui treni erano in sosta nelle stazioni di Locri, Brancaleone e Roccella Jonica sono stati trasportati a Reggio Calabria, seguendo itinerari stradali alternativi.

Linea Paola - Reggio Calabria: circolazione sospesa fra Bagnara e Villa San Giovanni Cannitello

Per il pericolo di esondazione del torrente Condoleo, fra le località di Favazzina e Scilla, e possibile conseguente frana sui binari, il traffico ferroviario è sospeso dalle 16.30 fra Bagnara e Villa San Giovanni Cannitello, linea Paola – Reggio Calabria.

Il treno InterCity 551 è stato fermato nella stazione di Bagnara.

I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana stanno monitorando l’evolversi della situazione e in particolare le condizioni di sicurezza per la percorribilità dei binari da parte dei treni.

Aggiornamento ore 14:00 del 1 novembre 2015

Per l’allagamento della sede ferroviaria, in seguito all’ondata di maltempo che sta interessando la zona, dalle 13.30 è sospeso il traffico ferroviario fra Roccella Jonica e Palizzi, linea Roccella Jonica - Melito Porto Salvo.

I treni in viaggio sono stati fermati nelle stazioni di Locri, Brancaleone e Roccella Jonica.

Per impraticabilità della rete stradale al momento non è possibile effettuare servizi sostitutivi con autobus.