• Home >
  • Gruppo FS Italiane

Roma Ostiense: domenica 26 gennaio una tavola rotonda per ricordare la Shoah

Nella Sala Presidenziale della stazione romana, gestita da Centostazioni (Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane), la vigilia della Giornata Internazionale della Memoria sarà presentato il progetto Identità tra emergenza e rinascita

Roma, 24 gennaio 2014

Il progetto Identità tra emergenza e rinascita sarà presentato domenica 26 gennaio 2014, presso la Sala Presidenziale della stazione di Roma Ostiense, in vista della Giornata Mondiale della Memoria. In programma, dalle 10 alle 12, una tavola rotonda sui temi della riscoperta e della ricostruzione dell’identità culturale, politica e storico-sociale del popolo ebraico.

L’iniziativa - affiancata dalle Ferrovie dello Stato Italiane e Centostazioni (Gruppo FS Italiane) - si unisce alle tante altre che tradizionalmente sono promosse da istituzioni e associazioni su tutto il territorio nazionale e che anche quest’anno coinvolgeranno alcuni scali ferroviari con momenti di riflessione e condivisione alla presenza di rappresentanti delle istituzioni locali e della società civile, per non dimenticare quanti, proprio nelle stazioni, iniziarono un viaggio per molti senza ritorno.

Per celebrare il 60° anniversario dell’istituzione dello Yad Vashem di Gerusalemme è stata anche allestita la mostra fotografica temporanea Chi salva una vita, salva un mondo intero. La Shoah, Israele e i Giusti fra le Nazioni, organizzata dall’ Ambasciata d’Israele in Italia e curata da Paolo Coen, professore di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università della Calabria. E, sempre durante l’incontro, sarà presentato il docu-film Rinascita in Puglia, del regista israeliano Gady Castel, che narra le testimonianze di quegli ebrei che, durante la Seconda Guerra Mondiale, trovarono accoglienza e ospitalità in Puglia, dove molti di loro restarono per ricominciare una nuova vita.

All’evento - che ha l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e il patrocinio del Parlamento Europeo, dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI), del Centro Ebraico Italiano, della Fondazione Museo della Shoah, dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata - è prevista la presenza di importanti personalità del mondo delle istituzioni e alla cultura ebraica.