• Home >
  • Gruppo FS Italiane

Al Museo di Pietrarsa una mostra sulla Napoli-Portici, prima ferrovia italiana

Dal 24 febbraio al 25 aprile 2018

Napoli, 23 febbraio 2018

Presentata stamattina, nella Sala Giunta del Comune di Napoli, la mostra Il Sogno di Bayard, Le chemin de fer de Napoli – Portici à Nocera et Castellammare dedicata alla storica prima linea ferroviaria italiana che sarà inaugurata sabato 24 febbraio.

I contenuti sono stati illustrati dall’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele, e dal Direttore del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, Oreste Orvitti.

Ospitata nello scenario più appropriato, il Museo di Pietrarsa, la mostra resterà aperta fino al 25 aprile 2018 nel padiglione che, per la caratteristica forma architettonica dei suoi interni, è conosciuto come La Cattedrale”.

L’allestimento, realizzato con la collaborazione dell’Archivio di Stato di Salerno, prevede l’esposizione di grandi pannelli con le riproduzioni dei disegni originali del progetto di costruzione della linea messi a disposizione dalla École Nationale des ponts et chaussées” di Parigi, partner dell’iniziativa. I visitatori saranno guidati in un viaggio virtuale nel tempo e lungo un percorso che, vissuto quasi come un sogno, portò l’ingegnere Armand Bayard de La Vingtrie a realizzare la prima linea ferroviaria in Italia.

Disegni dai tratti acquerellati e di estrema precisione tecnica racconteranno, con immagini e didascalie, le caratteristiche di un tracciato inserito in un ambiente che interagisce con l'uomo e la sua esistenza. Un percorso fantastico tra stazioni, ponti, binari e carrozze per rivivere il sogno del progettista, divenuto poi quello di un regno e di un’intera nazione.

Obiettivo della  mostra, però, non è solo dare risalto a documenti quasi sconosciuti, ma anche porre l’accento su uno degli avvenimenti  che hanno maggiormente contribuito allo sviluppo industriale, rappresentando una tappa fondamentale nella crescita del Paese.

L’introduzione del nuovo mezzo di trasporto, infatti, ebbe un impatto favorevole, dal forte carattere innovativo per l’economia e industrializzazione dell’Ottocento. In particolare, la  nascita della ferrovia determinò  una svolta sostanziale nelle dinamiche commerciali e sociali del Regno delle Due Sicilie e successivamente, dopo l’unificazione, sull’intero territorio nazionale.

La mostra, dunque, assume un valore che va oltre la semplice esposizione di reperti capaci di suscitare interesse e ammirazione per la rarità della documentazione, diventando percorso narrativo in grado di arricchire il bagaglio di conoscenza del visitatore in un coinvolgente itinerario interattivo.

Tra le attività in calendario durante i due mesi di esposizione, giornate di studio e approfondimento organizzate dalla Fondazione FS Italiane.

La manifestazione si avvale, oltre al Patrocinio del Comune di Napoli, dell’Alto  Patrocinio Morale della Regione Campania e di alcuni comuni attraversati dalla linea storica: Portici, Torre del Greco, Torre Annunziata, Castellammare di Stabia, Pompei, Pagani, Nocera Inferiore e Nocera Superiore.

Come raggiungere il Museo di Pietrarsa

Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, Traversa Pietrarsa - 80146 - Napoli

In treno
La stazione di Ferrovie dello Stato Italiane interna al Museo è Pietrarsa - S.Giorgio a Cremano. È possibile acquistare il biglietto di viaggio su trenitalia.com, presso le biglietterie in stazione e alle self-service. Per chi arriva alla stazione di Napoli Centrale, basta recarsi alla stazione sotterranea di Napoli Piazza Garibaldi, banchina della Metro linea 2 di Trenitalia. I treni che fermano al Museo sono quelli diretti a Salerno o a Torre A. Centrale/Castellammare.

In automobile
Per chi proviene dalla A1 Roma Napoli: uscita Napoli Centro - Via marittima direzione Portici, alla fine di Via San Giovanni a Teduccio svoltare a destra in Via Pietrarsa.
Per chi proviene da Salerno, percorrendo l’autostrada A3 prendere l'uscita Ercolano - Bellavista o S. Giorgio a Cremano direzione Napoli.
I visitatori potranno parcheggiare comodamente la propria auto usufruendo del parcheggio custodito “Pietrarsa Parking”, convenzionato e riservato ai visitatori del Museo. Il parcheggio si trova in via Pietrarsa a soli 30 metri dall’ingresso museale.

In Autobus
Con i mezzi dell’ANM: da Piazza Garibaldi prendere gli autobus 254 e 256 direzione San Giorgio a Cremano; da Via Marina/Viale Amerigo Vespucci gli autobus 157, 254, 255 e 256 direzione Portici, fermata Napoli-Pietrarsa.

In taxi
Il Museo è raggiungibile anche in taxi direttamente dalla stazione Centrale, dall'aeroporto e dai principali alberghi cittadini.
La tariffa prevista è quella in vigore nel Comune di Napoli, essendo il sito museale ubicato nel territorio del Comune di Napoli, e secondo quanto indicato dal tassametro.
Partendo da alcune zone della città di Napoli, i visitatori possono usufruire di tariffe predeterminate: da Napoli Centrale/ Piazza Garibaldi € 16, dal lungomare 22 €, dall’Aeroporto di Capodichino 23 €.
Per maggiori informazioni si può consultare il sito dedicato del Comune di Napoli.

Per i visitatori diversamente abili o con mobilità ridotta
Il Museo predispone di un accesso facilitato per tutti i visitatori diversamente abili o con mobilità ridotta.
Per accedere al sito museale si prega di telefonare preventivamente al numero 081 472003 (opzione 1 o 2), per prenotare l’ingresso dedicato dal cancello carrabile, con attraversamento a raso, a cura del personale di stazione.

Contatti del Museo
Telefono: 081/472003
Email: museopietrarsa@fondazionefs.it
Sito: www.museopietrarsa.it