• Home >
  • Gruppo FS Italiane

Irama:" A Sanremo con un brano che mi mette a nudo"

Stasera all’Ariston, per la seconda serata del Festival, l’artista diciannovenne si esibisce con il brano “Cosa resterà” per la categoria Nuove Proposte

Roma, 10 febbraio 2016

Con il brano che presenterò stasera “ho provato a mettermi a nudo, raccontando il mio lato più intimo”. 

Irama, nome d’arte di Filippo Maria Fanti, classe 1996, sarà stasera in gara al Festival di Sanremo con Cosa resterà. 
 

“Ho deciso che mi sarei chiamato Irama quando mi sono avvicinato all’hip hop, intorno ai 12 anni. Questa parola, che significa ritmo in malese, mi rappresenta pienamente”.

Incassato il successo della prima serata della kermesse (11 milioni di telespettatori e un 49,5% di share), l’attenzione del Teatro Ariston si sposta sulle Nuove Proposte, tra queste spicca il giovanissimo Irama, che in un’intervista pubblicata da La Freccia - il mensile di bordo di Fs Italiane - parla della nuova avventura sanremese, in particolare del pezzo con cui si esibirà “frutto di un periodo difficile della mia vita e pieno di emozioni contrastanti”. 

E’ la prima volta che Irama sale sul palco più famoso d’Italia, certo l’emozione non è da sottovalutare, anche se, fa sapere “non vedo l’ora di esibirmi per raccontare la mia storia, e cominciare a scriverne una nuova”.

Lo sguardo è proiettato al futuro, senza però dimenticare i maestri del passato con cui si è formato: “Fabrizio De Andrè e Francesco Guccini sono i miei idoli, mi hanno dato tantissimo, ma apprezzo molto anche Vasco Rossi e Lucio Battisti”. 
Ovviamente non manca la musica rap, con l’americano Kendrik Lamar che “trovo fantastico” e “mi piacciono molto il belga Stromae e i rapper italiani”. 

I prossimi progetti di Irama vedranno l’uscita di “un album di canzoni inedite a cui sto lavorando” e naturalmente tanti live.

In attesa di questa seconda serata in diretta dalla Città dei fiori, un primo traguardo il giovane musicista di Monza l’ha già raggiunto: guardando infatti le visualizzazioni dei brani caricati su YouTube, Cosa resterà apre la classifica con circa 40mila views. Non male come inizio.