Gli appuntamenti per viaggiare col treno storico nel weekend in Sicilia

Sabato 21 e domenica 22 settembre tre appuntamenti con i treni storici alla scoperta delle mete più suggestive dell’Isola

Palermo, 20 settembre 2019

Un week end all’insegna del turismo slow in Sicilia. Con i treni storici della Fondazione FS sarà possibile partire alla scoperta dei piccoli borghi e delle aree più suggestive dell’isola. Sono tre gli itinerari in programma:

  • Sabato 21 settembre, partenza alle 8:25 dalla stazione di Messina Centrale del Treno del pistacchio di Bronte e dei frutti dell’Etna diretto a Bronte e Randazzo. Fermate a Tremestieri (8:34), Roccalumera (09:12), Taormina Giardini (9:45) con arrivo a Giarre Riposto alle 10:00. Da qui i viaggiatori raggiungeranno a piedi la vicina fermata Giarre FCE da dove partirà il treno a scartamento ridotto diretto a Bronte, per una visita al centro storico a cura della Pro Loco. A seguire è in programma il Laboratorio del Gusto, con protagonisti il pistacchio verde di Bronte, il cavolo trunzo di Aci e le antiche mele dell'Etna. Nel pomeriggio transfer in bus fino a Randazzo per una visita del cuore antico del borgo. Il ritorno a Messina è previsto per le 20:33.
  • Domenica 22 settembre appuntamento con Il treno dei formaggi e dei prodotti degli iblei da Ragusa a Scicli e Donnalucata. Partenza alle 9:00 dalla stazione di Ragusa. Prima tappa Scicli per una visita guidata del centro storico alla scoperta del barocco siciliano. A Palazzo Spadaro si svolgerà il Laboratorio del Gusto, con la preparazione di pietanze a base di Fagiolo Cosaruciaru di Scicli e Cipolla di Giarratana, e assaggi di formaggio ragusano. Nel pomeriggio transfer a Donnalucata per visitare la “Marinella” del Commissario Montalbano. Il ritorno a Ragusa è previsto per le 18:16.
  • Sempre domenica 22 settembre da Palermo a Carini e Scopello viaggerà Il treno delle verdure selvatiche e sapori di tonnara. La partenza in bus dalla stazione di Palermo Notarbartolo sarà alle 8:15. Il treno storico, invece, partirà da Isola delle Femmine alle 8:50. La prima fermata è Carini per una visita al castello medievale. Il laboratorio del Gusto Slow Food Sicilia avrà come protagonisti il mandarino tardivo di Ciaculli e la susina bianca di Monreale. Saranno distribuiti panini di grano siciliano autoctono con alalunga sott’olio e finocchietto selvatico. La fermata successiva sarà a Castellammare del Golfo, per una visita al Castello Arabo Normanno a cura dell’Associazione Kernos. Nel pomeriggio transfer in bus alla riserva dello Zingaro per un’escursione guidata. Il ritorno a Palermo è per le 20:15.

I biglietti sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “viaggi ed eventi” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram.

È, inoltre, disponibile l’indirizzo email info@fondazionefs.it

I Treni storici del gusto sono promossi dall'Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo: il programma è realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.