Gruppo Ferrovie dello Stato

Logo Ferrovie dello Stato

Prima giornata di porte aperte al Deposito Locomotive di Bologna



Grande interesse degli studenti nel corso della visita di questa mattina. Domani si replica con una visita riservata a cittadini e appassionati
Bologna, 6 dicembre 2013
Prima giornata di Porte Aperte al Deposito Locomotive di Bologna di Trenitalia.

A varcare i cancelli del mondo della manutenzione dei treni regionali dell’Emilia Romagna sono stati, questa mattina, gli studenti dell’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato Beata Vergine di San Luca di Bologna.

La visita, organizzata anche in collaborazione con i Maestri del Lavoro del Consolato di Bologna, ha coinvolto gli allievi della classe IV indirizzo meccanico Manutenzione e assistenza tecnica, che hanno avuto l’opportunità di vedere da vicino uno dei possibili sbocchi futuri del proprio percorso scolastico e di confrontarsi con chi già ci lavora.

Un percorso guidato attraverso il processo di manutenzione dei treni, dalla revisione e riparazione dei pantografi delle locomotive, alle nuove tecnologie informatiche quali la telediagnostica – per il check up a distanza dei mezzi – la verifica computerizzata dell’impianto frenante e l’utilizzo delle speciali apparecchiature sviluppate dai centri di ricerca Trenitalia per l’individuazione di difetti microstrutturali degli assili. Il tutto con l’ausilio di carri-ponte e carri trasbordatori per il sollevamento e lo spostamento di locomotori e carrozze.

Il Deposito Locomotive di Bologna, dove lavorano circa 100 persone, è infatti il principale impianto per la manutenzione delle locomotive modello 464 e dei mezzi leggeri elettrici, fra cui i moderni TAF e Minuetto. All’interno del deposito vengono svolte anche attività di ristrutturazione e restyling delle vetture. Completano il circuito manutentivo altri 3 impianti – due a Bologna e uno a Rimini – dedicati alla manutenzione delle carrozze e dei convogli completi.

Al termine della visita una piccola mostra, dal titolo "Piccole inciviltà quotidiane", ha richiamato l’attenzione su come vi siano alcuni comportamenti e cattive abitudini, apparentemente insignificanti, in grado di creare disagio e un senso di trascuratezza nei confronti del treno, bene condiviso e pertanto da rispettare. Piedi appoggiati sui sedili, rifiuti, carte abbandonate e chewing gum gettati a terra sono diventati oggetto di attenzione, con immagini e “slogan” coniati ad hoc per far comprendere come l’osservanza di alcune semplici norme di educazione sia presupposto per un viaggio più confortevole.

L’iniziativa Porte Aperte prosegue domani, sabato 7 dicembre, con una visita riservata ai cittadini, con appuntamento alle 10 in via del Lazzaretto 16 (prenotazione obbligatoria al numero 313 8213498).


Aiuto  |  Mappa  |  Accessibilità   |  Credits
© Gruppo Ferrovie 2016  |  Contatti  |  Termini e Condizioni  |  cookie  |  Partita Iva 06359501001