Gruppo Ferrovie dello Stato

Logo Ferrovie dello Stato

FS Italiane e CSVnet: "Volontariato in stazione", il progetto parte da Sud



Attivato in Calabria, Campania e Abruzzo. Assegnati ai CSV spazi a Lazzaro di Motta San Giovanni (RC), Condofuri (RC), Maddaloni Inferiore (CE), Pineto (TE). Accordo tra FS Italiane, RFI e CSVnet per sviluppare azioni innovative di sostegno sociale su tutto il territorio nazionale
Roma, 29 luglio 2014

Il Meridione d’Italia è protagonista del progetto "Volontariato in stazione" che vede l’assegnazione delle prime quattro stazioni in Calabria (Motta San Giovanni e Condofuri), Campania (Maddaloni Inferiore) e Abruzzo (Pineto).

In particolare, gli spazi di Lazzaro di Motta San Giovanni (Rc), assegnati all’Associazione “InHoltre”, ospiteranno un centro diurno con laboratori educativi e ricreativi per ragazzi con disabilità. A Condofuri (Rc), l’Associazione “Europa Unita” organizzerà attività quotidiane di salvaguardia del territorio. A Maddaloni Inferiore (Ce), assegnata al CSV di Caserta, saranno incentivate attività di volontariato sul territorio. Alla stazione di Pineto (Te), assegnata a “Pros onlus Pineto”, con una nuova base, implementerà il servizio di trasporti socio sanitari, assistenza e consegna dei farmaci a domicilio nella Provincia di Teramo.

A breve, oltre alle quattro stazioni individuate, saranno inaugurati anche gli spazi della stazione di Napoli Gianturco, destinati al CSV locale.

«Con un accordo della durata di quattro anni – dichiara il presidente di CSVnet, Stefano Tabò – nei suoi oltre 700 mq Napoli Gianturco, ospiterà anche corsi di formazione per i volontari, una biblioteca, aree espositive per mostre, un internet point, e sarà anche riattivato un servizio bar, richiesto da molti clienti della stazione, utilizzando una cooperativa sociale integrata per favorire l’inserimento lavorativo di persone disagiate».

«In questo disegno – dichiara Fabrizio Torella, responsabile delle Attività Sociali di Ferrovie dello Stato Italiane – si inquadra l’assegnazione in comodato d’uso gratuito dei locali delle stazioni impresenziate, per lo più stazioni medio/piccole, comunque attive, nelle quali l’evoluzione tecnologica non rende più necessaria la presenza fisica dei ferrovieri. Saranno ora gli Enti locali e l’associazionismo i gestori di queste stazioni, che si apriranno al territorio con progetti di natura sociale, ambientale o di valorizzazione delle peculiarità storico artistiche o culturali locali».

Si concretizza, così, l’accordo firmato da Ferrovie dello Stato Italiane, Rete Ferroviaria Italiana e CSVnet – Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato – per sviluppare azioni innovative di sostegno sociale su tutto il territorio nazionale. Un’azione che fa parte dei Protocolli d’Intesa con il grande associazionismo (CSVnet, Associazione Italiana Turismo Responsabile, Legambiente e Legacoopsociali) con i quali il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane intende mettere a sistema una modalità innovativa a livello nazionale ed europeo di gestione del patrimonio immobiliare ferroviario non utilizzato.


Per il comunicato vai in Sala Stampa.

Notizie e informazioni utili della tua regione

Clicca sulla regione che ti interessa
clicca sulla regione di interesse Calabria Sicilia Sardegna Basilicata Puglia Molise Lazio Abruzzo Marche Friuli Venezia Giulia Campania Piemonte Liguria Toscana Umbria Emilia-Romagna Lombardia Veneto Valle d'Aosta Trentino Alto Adige
Aiuto  |  Mappa  |  Accessibilità   |  Credits
© Gruppo Ferrovie 2016  |  Contatti  |  Termini e Condizioni  |  cookie  |  Partita Iva 06359501001